LE PROVE DEI TROFEI WHEELUP MOTOESTATE AL TAZIO NUVOLARI

Dopo il caldo torrido di Varano e Modena, pioggia e temperature quasi primaverili accolgono i partecipanti dei Trofei Wheelup Motoestate presso il nuovo Autodromo Tazio Nuvolari di Cervesina (PV). Una condizione non certo facile, soprattutto per coloro che non hanno potuto partecipare ai test organizzati qualche giorno fa proprio in funzione dell’esordio dei Trofei sul tracciato pavese. A differenza dei precedenti round, a Cervesina sono previste due gare in un giorno per le categorie Naked, 600 MDS, 1000 MES/MDS/CRV Expert con i piloti di quest’ultime impegnati nella giornata di sabato nelle due sessioni di qualifica a disposizione. Programma regolare invece per i centauri dei trofei MiniOpen, 600 MES/MDS/CRV Expert e CRV Rookies con le prove ufficiali suddivise in due giorni e con quelle della Race Attack nella mattinata di domenica.

L’asfalto umido ha caratterizzato le libere del mattino e la pioggia intermittente non ha agevolato la messa a punto delle moto e il feeling dei piloti. Nel pomeriggio un forte scroscio d’acqua ha bagnato il tracciato costringendo i piloti ad equipaggiare le moto con pneumatici rain. Confidando in un miglioramento delle condizioni, alcuni hanno preferito saltare la prima sessione confidando in un miglioramento del grip ma la pioggia scesa a fasi alterne ha obbligato poi tutti a cimentarsi con il bagnato.

La MiniOpen vede a sorpresa le wild card Marco Solca e Andrea Manzana occupare rispettivamente le prime due posizioni seguite dal capoclassifica Davide Suardi che preferisce gestire in funzione delle condizioni meteo ottimali previste per la seconda sessione di prove di domenica.

Nelle 600 MES e CRV Expert, che scendono in pista insieme, sono soltanto cinque i piloti che decidono di affrontare il tracciato bagnato. E’ la wild card Edoardo Mazzuoli a dettare il ritmo ottenendo il primo posto, ma nonostante il meteo alcuni nomi di spessore sono ugualmente in pista con Emanuele Lo Bartolo secondo e Andrea Manici terzo.

4moto-eu

Anche nella Naked è una wild card a imporsi con Mattia Barbotto che si rivela un mago del bagnato e distanzia con gran margine il leader di campionato Nicola Ruggiero ed il suo compagno di squadra Roberto Fincato, decimo nella generale ma decisamente a suo agio sull’acqua.

Andrea Di Vora, vincitore a Modena nella 1000 MES e leader della classifica, gestisce al meglio anche sul bagnato la gran potenza della sua moto e per pochi centesimi precede Stefano Giudici e l’outsider Cristiano Ascanio. Oscar Tavella, secondo nella generale della 1000 MDS è invece il più veloce della sua categoria e rifila un gran distacco al suo diretto inseguitore Alessandro Eberle. Un buon terzo crono per la wild card Giampaolo Cristini con il capoclassifica Matteo Mestriner in difficoltà sul bagnato ma in grado di ottenere il quarto tempo. Nella CRV Expert William Venesia fa il vuoto distanziando abbondantemente Luca Figerod ed Edoardo Finotti.

Concludono le prove ufficiali del sabato i piloti della categoria 600 MDS con Manuel Perseghin, terzo nella generale, in pole position davanti al leader Paolo Lolli e alla sorpresa Lorenzo Villamagna. Il diretto rivale di Lolli, Fabrizio Giovannella, conclude soltanto settimo e partirà dalla terza fila.

Il serrato programma di domenica prevede le rimanenti prove a inizio mattina e l’avvio delle gare alle ore 11:20 con la categoria Naked.